Il soccorso stradale in autostrada

Cosa fare se restate con l’auto in panne in autostrada? Chi chiamare se la macchina si ferma?

Innanzi tutto non bisogna farsi prendere dal panico, è obbligatorio indossare il giubbino catarifrangente quando si scende dal veicolo e posizionare il triangolo di emergenza ad almeno 100 metri dalla vettura sulle autostrade (e sulle strade extraurbane principali).

In autostrada la procedura per richiedere soccorso stradale è leggermente diversa da quella standard, in quanto possono accedervi solo carroattrezzi autorizzati che sono convenzionati con ACI, ESA o EUROP assistance.

Per richiedere aiuto potete recarvi presso la colonnina di soccorso, che però potrebbe risultare troppo lontana o non funzionante. In questi casi chiamate il numero verde di soccorso ACI 803.116. Gli automobilisti stranieri che utilizzano un telefonino con un gestore estero possono contattare il numero verde ACI 800.116.800.

Questi numeri sono attivi tutto l’anno 24 ore su 24 ed in tutta Italia, e l’intervento di soccorso stradale dell’ACI può essere richiesto sia in caso di incidente, sia in caso di malfunzionamento o di avaria dell’auto. Tutti gli automobilisti possono richiedere questa tipologia di intervento, senza alcun obbligo di registrazioni, abbonamenti o adesioni a determinate formule. L’automobilista può richiedere il pronto intervento anche facendo un’esplicita richiesta tramite le pattuglie di Polizia Stradale, o mediante le colonnine di soccorso autostradali, se sono dotate di apposita fonia. Il soccorso stradale dell’ACI è garantito non solo per le autostrade, ma anche per le strade statali, le strade extraurbane e le strade cittadine.

Il soccorso stradale fornito dall’ACI non è gratuito, e le tariffe possono variare a seconda di diversi fattori come l’orario dell’intervento (diurno, notturno o festivo) e il peso del mezzo da soccorrere (veicolo leggero, semipesante, pesante). Inoltre, se per l’intervento sono richiesti dei mezzi speciali, le tariffe del soccorso stradale inevitabilmente lievitano. I costi mediamente oscillano tra i 115 ed i 200 euro, e comprendono le operazioni di soccorso e di recupero. Nella tariffa di soccorso è compreso in Viabilità Autostradale il traino del mezzo in panne fino al primo casello di uscita, oppure fino alla prima officina o alla sede del Centro intervenuto, se si trovano nel giro di 5 chilometri.

Se il veicolo deve essere portato in un luogo diverso dalla sede del Centro intervenuto, allora all’importo del soccorso dovrà essere aggiunto il costo relativo alla “Prosecuzione traino“, che sarà conteggiato in base ai chilometri percorsi (andata e ritorno) dal mezzo di soccorso a partire dal punto di fermo fino alla destinazione dei veicolo. Da annotare anche quanto previsto in caso di recupero del mezzo ovvero della rimessa in carreggiata del veicolo in panne o in avaria. La tariffa del soccorso in autostrada infatti è comprensiva del recupero del mezzo, diversamente da quella applicata per la viabilità ordinaria in cui il costo del recupero viene aggiunto alla tariffa di soccorso.

Prima di mettervi in viaggio ricordiamo sempre di verificare con la vostra compagnia di assicurazione se il soccorso stradale è incluso nella vostra polizza. In tal caso, anzichè chiamare direttamente il soccorso ACI, chiamate la centrale operativa della vostra assicurazione. Oltre ad informarvi sulle condizioni previste dal vostro contratto (ad esempio se l’intervento è completamente gratuito o se dovrete pagare una franchigia) provvederanno ad inoltrare la vostra richiesta all’ACi o ad una delle altre società autorizzate ad effettuare interventi di soccorso stradale in autostrada.

SCRIVI UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con l'asterisco sono obbligatori.